.

Iscriviti alla newsletter di Donneinpink, tante novità, riciclo e risparmio per te...

Tenere in ordine casa con poche regole e buttando l'inutile.

Decluttering is the new black ha detto qualcuno ... e ci voleva la Kondo con i suoi libri su come spazzolare nell'immondizia tonnellate di oggetti mai usati e nascosti nei pertugi di casa, per capire che:
1. compriamo troppa roba
2. abbiamo case troppo piccole per contenere tutta quella mole di inutilità

Sono cresciuta con il rigore del Generale Gozzi (mio padre) per cui se un oggetto sosta per più di 15 minuti fuori posto, troverà nuova dimora nel bidone dell'indifferenziata giù in strada per poi finire dalla famosa padella alla brace sposando (letteralmente) il metodo dell'Ingegner Canazza per cui in casa vige la regola "Volumi zero. Tot entra, tot esce".

Tenere in ordine casa con poche regole e liberandoci del superfluo.
Per natura, comunque sono abbastanza ordinata quindi non ho fatto fatica a mettere in pratica questi metodi. A parte il "volumi zero", perché onestamente, con Amazon e Tiger come si fa a rispettare questa regola idiota? E comunque è roba che mi serve. Almeno una volta l'ho usata!
Da quando ho due bambini, però, scherzi a parte, è diventato primario mantenere l'ordine in casa, soprattutto perché mi piace vivere in una casa accogliente e ordinata, coi letti sempre rifatti. Ecco quindi se volete il mio "sistema". Non sono consigli per cuori deboli o che si fanno facilmente impietosire dal calore familiare che emanano subdolamente certi oggetti che non vogliono essere buttati.
Come doverosa premessa devo dire che ho una specie di patologica ossessione per scatole e candele, quindi c'è anche tutto un lavoro psicologico dietro. 
PRIMA REGOLA
Il Generale aveva ragione: è fondamentale che ogni cosa sia rimessa a posto se non subito, almeno prima di andare a letto e tutto è più semplice se ognuno fa la sua parte. Convincere i bambini, se presenti, ad esempio a partecipare al riordino per cui ognuno mette via un pezzo e non impartire un "METTI a posto" che fa sentire a disagio. 
SECONDA REGOLA
Ogni cosa deve avere il suo posto. Vietato accumulare in quell'angolo lì dietro alla porta/mobile tanto non ci guarda nessuno. Verrà un giorno in cui TU ci guarderai e allora sarà la fine. Io ho fatto delle scatole (beccata!) con una targhetta con ciò che contiene. Ad esempio "medicinali" o un generico "casa" in cui si trovano i feltrini, gli accessori per pulire le scarpe, la cera per i mobili, il calzino spaiato su cui mettere la cera eccetera, o "feste" in cui ho riposto candeline, cannucce, festoni e simili. 
TERZA REGOLA
Se per due anni quell'oggetto ha fatto il giro senza essere usato mai nemmeno una volta è giunto il momento di buttarlo. E non come suggerisce la Kondo di salutare l'oggetto perché, grazie di aver fatto il tuo servizio ma "ciao". Semplicemente: ma che ci fa 'sto affare qui?  Via! Bleah, buttare. Puzza di polvere. 
Ricordatevi:
1 ciò che buttate non va più spolverato/lavato 
2 "tot entra tot esce" si può comprare la versione nuova! E' anche un bel modo di far girare l'economia no? 
3 in caso di trasloco quanta roba in meno dovrete inscatolare! 
Queste le regole base. Se ogni giorno vi approcciate con questo sistema alle cose che avete in casa, non ci saranno più montagne di cartacce inesplorate in un ripiano del salotto, o giochi sparsi ovunque o vestiti del '15-'18 che "vedrai tornano di moda" (tanto se anche torneranno non ci entrerete più, state serene). 
Sembra immensamente faticoso, ma è solo questione di ritmo ed è una mentalità che aiuta ogni giorno, perché quella borsa che vi piace un sacco ma che si è bucata e non avete il coraggio di buttare perché ce l'avevate in spiaggia nel '96 quando avete baciato quel ragazzo, pensate che solo un pezzo di pelle/stoffa tenuto insieme da un filo di cotone e pure male dato che si è rotta. Il ricordo sta nella vostra testa e quella borsa, con buona probabilità non la usate proprio dal '96. 
Ovvio che ci sono un sacco di cose microscopiche che non hanno una collocazione precisa, ed è per questo che vi serve un cassetto o un'anta del mobile che funga da stomaco: ingurgita porcherie, per poi svuotarsi ciclicamente ed essere pronto per altre Junk Things! Se lo riempite troppo occhio perché gli può venire la panza! 
Che dite facile? Si, dai ce la potete fare! Il potere catartico del buttare via è come farsi uno scrub ai talloni!

Nessun commento:

Posta un commento