.

Iscriviti alla newsletter di Donneinpink, tante novità, riciclo e risparmio per te...

Asilo nido o nonni? Come fare la scelta migliore per tutta la famiglia.

Asilo nido o nonni? 
Come fare la scelta migliore per tutta la famiglia.
Oggi la nostra amica Claudia, per la rubrica #LaParolaAlleLettrici ci offre le sue riflessioni su un quesito molto importante che si pongono tutte le coppie in un determinato momento della vita familiare: asilo nido o nonni? Oggi rifletteremo su come fare la scelta migliore per tutta la famiglia.

Io personalmente, purtroppo non avevo nonni disponibili a prendersi cura dei loro amati nipoti (o per meglio dire il mio amatissimo suocero avrebbe dato chissà cosa per occuparsi del suo adorato nipotino ma purtroppo la sua salute non glielo ha consentito). I miei orari di lavoro ed i costi di baby sitter e asilo nido mi hanno portata alla scelta di lasciare il mio vecchio lavoro e far nascere Donneinpink Magazine.
Questa scelta la rifarei mille volte ma trovo anche saggia la scelta dell'asilo nido perché i bambini devono socializzare e giocare con altri bambini
Un piccolo consiglio per chi fa la scelta di affidare il bimbo ai nonni è quello di far frequentare al bambino un paio di volte alla settimana una ludoteca o un baby parking a ore così da far abituare il bimbo a nuovi contesti, a stare con altri bambini, a giocare in compagnia e ad approcciarsi a figure adulte di riferimento diverse da nonni e genitori (questo anche per rendere meno traumatico il successivo inserimento alla scuola materna).

E se alla fine propenderemo per l'asilo nido, quale scegliere? Leggete anche SCEGLIERE IL NIDO: fallo con 10 domande.

Ma ora la parola a Claudia:

Nido o nonni? 
Come fare la scelta migliore per tutta la famiglia.

Arriva il giorno nella vita dei neo genitori in cui la mamma deve tornare al lavoro ed allora bisogna decidere se iscrivere i piccoli al nido o accettare l'offerta dei nonni di dedicarsi ai bambini.

Innanzitutto c'è l'aspetto economico da non sottovalutare; il nido, infatti, ha dei costi abbastanza elevati, spesso troppo elevati.

Ma l'aspetto più importante è la crescita dei bambini e la definizione dei ruoli.
I genitori sono gli educatori dei loro figli.

Educano i bambini in base ai loro valori, insegnando le regole che ritengono opportune e gestiscono la quotidianità seguendo ciò che ritengono giusto.

I nonni sono nonni.
Nello specifico sono figure importanti per la crescita dei bambini ma sono anche i migliori " viziatori" dei loro meravigliosi nipoti.

I nonni non dicono "no". Non lo sanno fare. Non sono programmati per dire no ai nipoti.

Un giorno mia madre mi disse:" io ho già educato te. Ora tocca a te educare i tuoi figli, il mio compito è viziarli". Con la crescita dei miei figli ho capito che aveva ragione.

Le educatrici scolastiche sono figure professionali che instaurano con le famiglie un rapporto di continuità educativa.
Le educatrici scolastiche continuano il lavoro che i genitori fanno a casa.
Nella scelta bisogna valutare diversi aspetti.
Innazitutto i bambini spesso passano molto tempo fuori casa (a volte ne passano di più fuori che non con i genitori) quindi la continuità offerta dal nido è sicuramente utile ai bimbi e rassicurante per i genitori.

Altrettanto rassicurante è l'idea di affidare i propri bimbi a persone di fiducia come i nonni.
Da un altro punto di vista proprio perché i bimbi passano molto tempo con i nonni bisogna chiedersi se non si confondano i ruoli e se quindi per loro non sia più facile seguire i vizietti dati dai nonni che le regole del genitori.

Ogni bimbo dovrebbe avere la possibilità di trascorrere alcune ore della sua giornata in un ambiente costruttivo ed a contatto con altri bimbi con cui imparare a rapportarsi.

Personalmente posso dire che i miei figli sono cresciuti con la mia mamma, che ringrazio ed ho ringraziato ogni giorno.

Ma se nel mio destino ci fosse un terzo figlio vorrei andasse al nido

Sono certa che lui/lei troverebbe persone che tengono al suo bene e che lo/ la educherebbero come faremmo lo ed il suo papà......


#LaParolaAlleLettrici
Di Claudia De Santis

Se anche tu vuoi scrivere su Donneinpink Magazine e donare consigli e suggerimenti alle lettrici fallo su #LaParolaAlleLettrici 

2 commenti:

  1. Io posso raccontare la mia personale esperienza . Ho due figli la grande all'età di 1 anno l'ho portata al nido per problemi di lavoro. Con il piccolo invece sono cambiate molte cose e lavorando con i turni siamo riusciti a gestirlo io e il suo papà .
    La scelta di non ricorrere hai nonni è stata voluta...nonostante con il secondo figlio addirittura, il nonno vive con noi !
    La motivazione per noi è semplice...l'educazione...se faccio giusto o faccio sbagliato per lo meno lo facciamo noi !!!!!
    E comunque posso dirvi che il nido per mia figlia è stato un passaggio molto importante che rifarei se fosse necessario..imparano a socializzare...e non solo ..le varie attività svolte per la crescita psichica ..motoria ecc..le hanno dato una marcia in più !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo!
      I bambini che hanno frequentato il nido arrivano più "preparati" alla scuola materna, per mio figlio che è sempre stato solo con me, invece è stata dura.

      Elimina