.

Iscriviti alla newsletter di Donneinpink, tante novità, riciclo e risparmio per te...

Quella musulmana che toglie il velo per rispetto verso i cristiani

Oggi 15.000 musulmani in tutta Italia hanno accolto l'invito degli Imam ad unirsi con i loro fedeli cristiani in preghiera per mandare un segnale forte e importante ai terroristi che negli ultimi mesi hanno seminato odio e terrore. Tra  loro, a Ventimiglia, una musulmana (una donna, una persona) si toglie il velo per rispetto nei confronti dei cristiani, per dire a tutti che siamo fratelli, che l'Isis non c'entra nulla con la religione, con la fede, col Corano, che nessun Dio vuol vedere morire così tanti innocenti. Quella musulmana racconta che quando passeggia per il lungomare di Ventimiglia col velo alcuni le gridano "Daesh, terrorista"...



Che si creda in Dio o no, quello che ho letto in questo gesto e nel gesto di quei 15.000 musulmani che oggi hanno pregato con i loro fratelli cristiani, è la voglia di dire no al terrorismo, no alla paura, no ai pregiudizi, no a quello di cui si nutrono i terroristi: l'odio.
Ma quella musulmana che si toglie il velo manda un messaggio anche a noi, cristiani, pacifisti, che la domenica andiamo in chiesa e il lunedì sui social network auguriamo le disgrazie peggiori "a tutti i musulmani", che in quanto tali consideriamo terroristi, a noi che vorremmo chiudere le frontiere non considerando che molti di quelli che si fanno saltare in aria sono esaltati di seconda e terza generazione e che tra quei rifugiati ci sono donne e bambini che attraversano il mare sapendo che forse non vedranno mai la riva...

Restiamo umani. Cit. V. Arrigoni.

Nessun commento:

Posta un commento