.

Iscriviti alla newsletter di Donneinpink, tante novità, riciclo e risparmio per te...

Quali strumenti usare per lavorare le paste polimeriche. Corso online gratuito #polimerinpink

Corso online gratuito fimo e paste polimeriche  #polimerinpink 
Grazie alla collaborazione tra Donneinpink Magazine e la bravissima artista Maria Giovanna, specializzata in paste polimeriche, abbiamo la possibilità di offrirvi un corso online gratuito che vi guiderà attraverso la conoscenza e l'uso di fimo e dei vari tipi di paste polimeriche.
Se vi siete persi le puntate precedenti leggete anche:
Quali strumenti usare per lavorare le paste polimeriche #polimerinpink 
E allora siete pronti per iniziare a lavorare le paste polimeriche?
Nei precedenti appuntamenti abbiamo parlato dei vari tipi di paste polimeriche e della mia pasta polimerica preferita.
Source image: www.dhgate.com

Abbiamo inoltre introdotto il primo indispensabile aiutante per questo hobby, il fornetto elettrico. Certo c'è chi cucina tranquillamente nel forno di casa o a bagnomaria, ma io trovo che questa del fornetto elettrico destinato esclusivamente alla cottura delle paste, sia decisamente la soluzione migliore da adottare, specialmente se siete agli inizi e avete paura di bruciare le vostre creazioni. Infatti come abbiamo visto, le paste sintetiche necessitano di una cottura a circa 110° per circa 20 minuti (dipende dalle dimensioni dell'oggetto).



Quindi, dopo aver recuperato un fornetto e aver acquistato qualche panetto di pasta polimerica nei vostri colori preferiti, prima di divertirvi con le mani in pasta, non vi resta che procurarvi qualche semplicissimo strumento.

Oggi infatti, nel terzo appuntamento della rubrica #polimerinpink per Donneinpik Magazine, vi presenterò gli strumenti base per iniziare a lavorare le paste polimeriche.


PASTE POLIMERICHE  - GLI STRUMENTI BASE PER INIZIARE A LAVORARE

- piano di lavoro : se, essendo agli inizi, non volete impegnarvi con piani di lavoro professionali, potete scegliere di lavorare le vostre paste su una superficie liscia come una lastra di vetro abbastanza spessa, oppure, come facevo io all'inizio, optare per una soluzione ancora più economica e casalinga come fissare sul tavolo, con del nastro adesivo, un pezzo di carta da forno.


- guanti in lattice : vi consiglio di comprare una confezione di guanti in lattice, dalla perfetta aderenza, per evitare che, durante la lavorazione, specialmente se avete le unghie un pochino lunghe, pezzettini di pasta si vadano a fissare spiacevolmente proprio sotto alle vostre unghie.
 Le paste polimeriche possono essere comunque utilizzate tranquillamente anche senza l'utilizzo di guanti anche perché raramente esse rilasciano colore. Però l'utilizzo dei guanti è da me vivamente consigliato perché essi evitano che sulle nostre creazioni siano visibili le nostre impronte digitali.
 Io utilizzo generalmente i guanti in lattice a marchio Coop. Sono economici, sono disponibili in varie misure e aderiscono molto bene alla nostra mano senza limitare assolutamente la manualità.



-mattarello per paste polimeriche: un mattarello per stendere la pasta vi servirà senz'altro. Ideali sono i mattarelli creati apposta per le paste polimeriche. Potete trovarli nei negozi di hobbistica oppure disponibili on line su Perles and Co.  Ma se inizialmente volete risparmiare un pochino, vi suggerisco di utilizzare uno di quei semplicissimi dotter per la nail art che di sicuro avete già in casa.



- cutter : questo strumento vi permetterà di tagliare, porzionare, rifinire la vostra pasta. Potete trovare degli ottimi cutter professionali su Hobbyperline . Ma anche qui, se volete risparmiare, inizialmente seguite il mio consiglio e potete dotatevi di un comunissimo taglierino


- stampini : anche se le più grandi soddisfazioni polimeriche si hanno senza l'utilizzo di stampini, in un primo momento, specialmente se si condivide l'hobby con i vostri bambini, sarà utile fornirsi di qualche stampino in silicone o a espulsione per ottenere da subito dei risultati perfetti nelle forme. Potete trovare un vasto assortimento di stampini da Make your Style , uno shop fornitissimo che ho scoperto ad Abilmente, la Fiera della Manualità Creativa di Vicenza. Oppure potete trovare degli stampini ad espulsione anche al vostro supermercato nel reparto dolci.




- macchina per la pasta: successivamente, per realizzare alcune lavorazioni particolari, ma anche solo per fare meno fatica a stendere la pasta, potete tirare fuori dal vostro ripostiglio la macchina per la pasta fatta in casa. Visto che raramente si ha tempo, ahimè, di adoperarla per preparare deliziose pietanze, diamole nuova vita e una nuova funzione polimerica. Sarà una validissima aiutante!


-vernice : anche se utilizzando la pasta sintetica You Clay raramente si sente il bisogno di verniciare le creazioni, a volte potrebbe essere necessario amplificare quest'effetto e proteggere la creazione. Utilizzo allora la vernice della Staedler che non lascia spiacevoli residui appiccicosi sulla superficie dell'oggetto.

Bene, ora che avete tutto l'occorrente, la settimana prossima cominceremo a creare con alcuni facili tutorial. Vi aspetto!


Guest post
Di Maria Giovanna


2 commenti:

  1. Cara Maddalena, tu sei un vero laboratorio non sai più cosa inventare, complimenti con tutto il cuore.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Sì Tomaso, Maddalena è proprio un vulcano di idee e mette a disposizione uno spazio dove condividere in modo semplice e spontaneo le nostre passioni. Un saluto e continua a seguire le nostre avventure in pink.

    RispondiElimina